Disturbo di ansia e spettro autistico

Il problema comune del disturbo di ansia è associato ai disturbi dello spettro autistico.
L´ansia è spesso generata dalla paura per un evento e questa può non solo causare l´ansia, ma aumentare la sensibilità verso stimoli sensoriali e una grande paura di fallire. E gli eventi che possono suscitare forte ansia e stress emotivo sono tanti.
È essenziale quindi scoprire l’origine dell’evitamento quindi dell’elevato livello di ansia perché la cura è “semplice”: basta ricreare l’ambiente ottimale per superare l’ansia e risolvere il comportamento problema.
Perché accade questo? Semplicemente perché stando da soli non ci si deve preoccupare delle situazioni sociali e di come comportarsi. Non c´è da leggere la comunicazione non verbale, nessuna situazione sociale, ed è silenzioso, non ci sono problemi sensoriali, non c´è ansia e non c´è nessuno che può disturbare mentre si è concentrati sul proprio interesse speciale. Ecco perché alcune – la maggior parte – delle persone che hanno un disturbo dello spettro autistico, specialmente durante l´adolescenza, ma accade anche da adulti, scoprono che nascondersi nella propria stanza è la loro cura, soprattutto dopo le difficoltà di una giornata a scuola.
Dov’è il problema, allora? Il problema è che quella “cura” è così affascinante che si corre il rischio che il ragazzo non voglia più uscire dalla propria camera. Alcuni adolescenti si rifiutano di uscire perché non vogliono stare intorno ad adolescenti che li prendono in giro e li fanno sentire stupidi e rifiutati. Nella loro camera, invece, controllano quello che succede, si sentono i “re del castello” e possono fare ciò che vogliono. Quindi evitano varie situazioni e si trincerano nel proprio “reame”.
Per chi ha un disturbo dello spettro autistico il problema è uscire da quella camera o che qualcuno ci entri perché lo stress e la confusione aumentano a seconda del numero di persone che entrano: in due si è in compagnia, in tre è già una folla. Una volta che quella persona ha provato la “cura,” si capisce perché non voglia più uscire dalla “tana”, scambiando il giorno con la notte, e per quanto la riguarda pensi: “io sto bene, non ho più problemi. Perché vuoi cambiarmi, farmi arrabbiare e farmi stressare?”.
È per questo che dobbiamo fare il possibile perché abbiano successo nella vita visto che l´alternativa è rifugiarsi nel “castello” oppure, purtroppo per molti adolescenti, iniziare ad usare droghe.
Io personalmente ho scoperto in età adulta la mia droga: la scrittura
Teresa Antonacci

Libero adattamento da un articolo di Tony Attwood
intervista a cura di David Vagni e Davide Moscone

4 Comments

  1. eracto

    08/01/2018 at 12:06

    There’s certainly a lot to learn about this subject.
    I really like all of the points you’ve made.

    1. Teresa Antonacci

      04/02/2018 at 9:16

      Thank’s, i’m happy to read lot of positive comment

  2. Steroide auf die Masse

    24/01/2018 at 23:03

    I read this paragraph fully about the difference of most up-to-date and preceding technologies, it’s remarkable article.

    1. Teresa Antonacci

      04/02/2018 at 9:00

      I’m sorry, I’m busy with my first job… but i always try to answer everyone. I’m happy to read lot of positive comment

Leave a Reply